Una casa senza barriere a Londra

 

A Lambeth, un tranquillo quartiere di Londra vicino a Westminster, una famiglia composta da una coppia con due figlie si è affidata allo studio Cox Architects per il restyle della loro casa anni ’20. Il brief era chiaro: mantenere l’aspetto tradizionale dell’immobile nella parte anteriore, con la possibilità di dare libero sfogo alla fantasia sul retro, attraverso la realizzazione di un ampliamento della zona giorno e l’aggiunta di una terrazza. Altro punto fondamentale della ristrutturazione da tenere in considerazione era il rispetto delle esigenze di assistenza a lungo termine di Poppy, la figlia più giovane. L’intervento, ultimato nel 2019, ha visto la realizzazione di un ampio e luminoso living. Qui la luce irrompe attraverso una grande vetrata affacciata sulla terrazza, nuovo elemento da sfruttare e apprezzare e che ha contribuito a dare alla famiglia ancora più libertà e spazio.

Raffinata e curata sotto ogni aspetto, la casa riflette un’impronta moderna e di carattere, dove non mancano però tratti caratteristici di un gusto classico e tipicamente inglese. Si notano per esempio i profili e le modanature della porta della sala studio, le pareti nella tonalità verde scuro che creano un’atmosfera calda e accogliente e fanno risaltare elementi come la libreria, il tappeto chiaro e la poltrona di design. Per soddisfare le necessità di Poppy, sono stati installati un ascensore e un sollevatore a soffitto. I due bagni della casa sono stati resi accessibili e sono state aggiunte due camere da letto al primo piano, di cui una per la persona che assiste Poppy. Le stanze sono state pensate per essere prive di barriere architettoniche e per far fronte a tutti i bisogni della ragazza, comprendendo anche le sue esigenze in età adulta.

Sia per l’accesso ai bagni che per la camera da letto si è optato per delle porte scorrevoli che hanno risolto il problema dell’ingombro in apertura delle normali porte a battente, permettendo un accesso rapido ad ogni stanza. La modalità di apertura delle porte a scomparsa non interferisce infatti con il passaggio della sedia a rotelle. Quando è presente un montacarichi a soffitto come in questo caso, il sistema ECLISSE Hoist ha permesso l’installazione di una porta a scomparsa anche in concomitanza con il binario del dispositivo di sollevamento. In questo modo viene reso molto più semplice il lavoro dell’assistente che è così libero di operare in modo discreto ed efficace. 

ECLISSE Hoist è un sistema che viene realizzato su progetto e permette l’installazione di una porta scorrevole a scomparsa in concomitanza con un dispositivo di sollevamento della persona. Pensato per agevolare la mobilità degli individui con difficoltà motorie, questo sistema presenta una speciale conformazione del binario e della traversa che sono sagomati ad hoc in modo tale da non interferire con il passaggio del sollevatore che movimenta il disabile, garantendo comunque un perfetto scorrimento del pannello porta.

La video testimonianza dell’architetto Steve Cox (Studio Cox Architects, Londra)

“In questo progetto di ristrutturazione è stato necessario prevedere ascensori, montacarichi, bagni accessibili, porte allargate, binari di sollevamento e così via. Per la famiglia era fondamentale però che queste attrezzature non prendessero il sopravvento esteticamente per mantenere il calore e l’atmosfera di una casa familiare. Il controtelaio ECLISSE Hoist a cui siamo giunti si adattava a questa filosofia. Avevamo visto altri sistemi che permettevano l’abbinamento di una porta ad un dispositivo di sollevamento che permette la movimentazione di una persona da una stanza all’altra, ma il dettaglio risultava molto goffo nella parte superiore della porta, mentre il sistema ECLISSE consente di incassare il binario al soffitto quasi senza soluzione di continuità”Steve Cox – Cox Architects

Luogo: Lambeth, Londra
Anno: 2019
Studio di progettazione: Cox Architects Ltd Londra
Impresa di costruzione: Elson Construction & Co. Ltd
Ingegnere: Steve Nicolaou
Fotografo: Matt ClaytonPhotography
Stylist servizio fotografico: Camilla Hegarty
Prodotti utilizzati: ECLISSE Hoist, controtelaio per anta singola che permette il passaggio di sollevatori per la cura e la movimentazione di una persona con difficoltà motorie

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here