La zona d’ingresso che affaccia su un ampio salone viene resa più intima ribassando una porzione dell’alto soffitto; la zona risulta meglio illuminata grazie ai faretti incassati

Ribassare un soffitto molto alto realizzando un controsoffitto con lastre di cartongesso fissate a una struttura di sostegno può offrire numerosi vantaggi estetici e pratici:

  • un controsoffitto garantisce una maggiore intimità nella zona d’ingresso prima di confluire in un locale più spazioso;
  • permette di migliorare l’illuminazione artificiale con sistemi che non invadono gli spazi;
  • mantiene il calore nella zona vivibile, impedendone la risalita verso l’alto per convezione, riducendo i volumi da riscaldare e di conseguenza i consumi;
  • l’intercapedine del controsoffitto può essere sfruttata per nascondere impianti elettrici o di condizionamento senza affrontare opere invasive.

Pannelli orizzontali e verticali per il controsoffitto

  • Il volume ribassato grazie al controsoffitto viene chiuso anche da una pannellatura verticale che separa l’ingresso dal resto dell’ambiente; le lastre si fissano ai profili metallici con viti autofilettanti che vanno poi stuccate insieme alle linee di giunzione per ottenere una superficie piana e regolare.

La struttura sospesa

lastre supporto cartongesso

Il supporto delle lastre può essere costituito da un’orditura semplice formata soltanto da profilati disposti parallelamente, o doppia, con una seconda orditura che forma maglie ortogonali fissata alla prima.

Trattandosi di un ribassamento accentuato, la prima viene fissata al soffitto con lunghi elementi di sostegno, detti pendini, che incorporano un ammortizzatore nella parte inferiore, il cui scopo è assorbire le vibrazioni e migliorare l’isolamento acustico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here