Cappotto esterno | Come eliminare tutti i ponti termici

3
3048
cappotto esterno
cappotto esterno
 

Il cappotto esterno è l’unico modo per isolare le pareti perimetrali ed eliminare tutti i ponti termici, ma i pannelli devono formare un rivestimento senza interruzioni

Isolare i muri perimetrali intervenendo con un cappotto esterno è senza dubbio la soluzione che garantisce i migliori risultati di comfort e contenimento delle spese di gestione: il gradiente termico migliora in quanto il calore assorbito viene rilasciato gradualmente al calare della temperatura.

Un sistema completo

Il cappotto esterno è un vero e proprio sistema che si ottiene con l’utilizzo in successione di diversi prodotti per posare un rivestimento isolante in grado di “dissociare” l’escursione termica delle pareti di casa, evitando formazioni di condensa.

In sintesi il cappotto esterno si realizza in tre fasi

  • la posa dei pannelli isolanti
  • la rasatura della superficie
  • l’applicazione del rivestimento finale

Alcuni problemi preesistenti vanno risolti prima di affrontare il lavoro, come eventuali risalite di umidità dalle fondazioni e sottofondi non planari o poco consistenti; se possibile, è bene prevedere a monte gli attacchi per eventuali pensiline o tende da sole in modo da inserirli nella muratura con i necessari prolungamenti e concepiti per non formare ponti termici.

Un sistema di prodotti compatibili

Sulla muratura si applicano i pannelli isolanti tramite malta collante e fissaggio meccanico con tasselli, si esegue la rasatura con inserimento di rete d’armatura e si conclude con il rivestimento murale (inclusi primer e pittura se occorre). Röfix Light è un sistema di isolamento termico leggero in EPS con elevata resistenza della superficie, resistente all’urto, ottimo potere isolante (0,031-0,036 W/mK). Röfix 

L’esecuzione dei lavori per realizzare un cappotto esterno

Il lavoro parte dal basso: si applicano i profili di partenza in modo da lasciare uno zoccolo che preservi il rivestimento dagli urti, poi i pannelli vanno incollati a file sfalsate alla muratura senza soluzioni di continuità, rivestendo anche le imbotti delle finestre: colmare eventuali fessure con una cazzuolata di malta equivale a ottenere ponti termici quando lo scopo dell’intervento è quello di eliminarli.

Per stabilizzare i pannelli si utilizzano speciali tasselli, il cui corpo è strutturato in modo da conficcarsi nel sottofondo senza dar luogo a ponti termici. La rasatura si esegue in due mani con l’annegamento di una rete di rinforzo nella malta mentre tutti gli spigoli vanno protetti con speciali rinforzi.

Tipologia e spessore dell’isolante da utilizzare dipendono molto dalla zona climatica, dall’esposizione dell’edificio, dallo spessore e dalla natura delle murature. A ciascun tipo di isolante sono dedicati collanti, primer, malte e finiture in grado di garantire le migliori prestazioni del rivestimento; l’intonaco finale deve possedere elasticità alle sollecitazioni meccaniche, per preservare il rivestimento, e buona permeabilità al vapore acqueo.

EPS rivestito di argilla espansa

L’elemento base di questo sistema è formato da un pannello in EPS e grafite di spessore 8-12-16 cm accoppiato a un blocco in calcestruzzo di argilla espansa spesso 8 cm; l’insieme è predisposto con incastri maschio-femmina che facilitano la composizione del rivestimento a cappotto. Il blocco di calcestruzzo protegge il materiale isolante che, diversamente, sarebbe rivestito solo da un intonaco a strato sottile, e lo rende idoneo a supportare anche rivestimenti incollati; per portare a termine il lavoro, il sistema MuroCappotto comprende tutti gli accessori del caso, come mensole in calcestruzzo di argilla espansa per l’appoggio del primo corso, elementi ad angolo destri e sinistri, architravi in calcestruzzo di argilla espansa, viti e tasselli in nylon, malta fluida o schiuma poliuretanica per la posa. EdilLeca 

Isotec parete, un pannello per tre funzioni

Per ottenere in un solo passaggio l’isolamento a cappotto, lo strato di ventilazione e il supporto per il rivestimento di facciata si possono utilizzare i pannelli Isotec® Parete. Sono costituiti da un nucleo di poliuretano espanso, in diversi spessori, rivestito su entrambe le facce da una lamina di alluminio goffrato e predisposti con un correntino forato per la circolazione dell’aria, realizzato in acciaio; si possono posare in verticale e in orizzontale per realizzare uno strato continuo e omogeneo, grazie alla battentatura contrapposta dei lati corti e alla sagomatura a coda di rondine dei lati lunghi. Brianza Plastica

 

3 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here