Indice dei contenuti

 

Una splendida villa con giardino, circondata dal paesaggio montano e concepita in modo da racchiudere due abitazioni indipendenti per due fratelli e le rispettive famiglie, assicurando così a entrambe un certo livello di privacy

La villa con giardino si trova in una bella posizione sulle prime colline che si aprono sulla Val Seriana (BG), a ridosso di un terreno in forte pendenza, addossata alla montagna da un lato e affacciata sulla valle dall’altro. Le parti di servizio, l’autorimessa e i locali tecnici si attestano sul lato nord incastrandosi nel terreno, mentre le parti più nobili dei due appartamenti, living, zona pranzo e camere da letto, sono rivolte a sud, con parti a sbalzo immerse nel verde, invase da una bellissima luce durante tutto il giorno.

Il lato sud della villa, affacciato sul giardino e sulla vallata; da questo punto di vista la casa appare con un’architettura pulita e in linea con la tradizione, seppur in un’ottica contemporanea.

Villa con giardino: la struttura

La villa ha due facce: il lato nord, verso la montagna, è più massiccio, con spesse pareti in pietra posata a secco e finestre misurate; il lato sud, verso valle, presenta invece grandi aperture che si affacciano sulle terrazze a sbalzo. Un elemento fondamentale dell’edificio è il tetto, pensato non come mero elemento tecnologico ma come una “quinta facciata”, dato che è ben visibile da una buona parte del giardino.

Le due grandi terrazze sovrapposte sembrano sospese tra gli alberi e connotano fortemente l’architettura della villa, che si impone per contrasto rispetto all’edificato circostante, integrandosi perfettamente nel paesaggio.

La parte di rivestimento della copertura e delle gronde è stata realizzata in lamiere di zinco-titanio. l La copertura è disegnata in ogni dettaglio per integrare tutte le parti tecniche come i comignoli, le antenne e i pannelli fotovoltaici, così da costituire un grande elemento dall’aspetto tecnologico, ma dalla presenza scultorea. I canali di gronda sono tutti celati nella copertura grazie a una speciale fascia perimetrale del tetto che, con la sua particolare sezione a cuspide, riesce a contenere tutti i canali di scolo delle acque.

Due abitazioni su tre piani

La casa si sviluppa su tre piani, con al piano terra i garage, i locali di servizio, i locali tecnici e la parte comune con gli ingressi alle due abitazioni, entrambe su due piani, rese autonome grazie ai due corpi scala privati. Anche le zone aperte sono progettate per garantire privacy e spazi esclusivi per ogni famiglia. L’ingresso è caratterizzato dal corpo basso dei garage, parzialmente interrato nel fianco della montagna, e dal grande spazio coperto da cui si entra nelle due abitazioni attraverso un’area comune. Una lunga parete rivestita con lastre in alluminio nasconde i portelloni dei box e il portoncino di ingresso in una grande boiserie metallica; questo grande elemento si relaziona con i parapetti sovrastanti anch’essi in metallo e realizzati con profili a L di alluminio anodizzato.

Ecco come è distribuita la villa con giardino nel suo primo piano.

Dal lato dei garage il parapetto ha un’altezza classica (1 metro), nel lato della casa diventa alto più di 5 metri, assumendo una scala gigante per formare una facciata semitrasparente che cambia con il variare della luce e del punto di osservazione.

I materiali…

La zona dell’ingresso mostra chiaramente i materiali e i trattamenti che disegnano la casa: alluminio per i parapetti e i rivestimenti dell’autorimessa, zinco-titanio per la copertura, legno larice naturale per i serramenti, le boiserie e soffitti esterni, pietra di Sarnico a blocchi posati a secco per i muri esterni e lastre in pietra per la pavimentazione, intonaco bianco per le pareti perimetrali.

La cura dei terminali ha permesso di ridurre al minimo le bordature in metallo, trasformando le superfici in legno in grandi piani astratti senza spessore.

Terrazzi imponenti, ma lineari

I parapetti dei due terrazzi sono realizzati con un particolare sistema di fissaggio, studiato e realizzato appositamente per questo progetto (da non confondere con il prodotto indicato nel box di approfondimento), che permette di avere una superficie di vetro assolutamente complanare, dove i sistemi di fissaggio alla struttura ancorata alla soletta del terrazzo sono tutti nascosti. Questa scelta permette di realizzare i terrazzi come fossero volumi astratti fatti di legno (la parte inferiore), vetro (i fianchi) e pietra (la parte superiore del pavimento).

Villa con giardino e piscina

Le pietre di Sarnico con cui è stato realizzato il rivestimento esterno sono state recuperate da un vecchio edificio presente nella proprietà, poi posate a secco con formati squadrati di diverse dimensioni, riprendendo la tradizione locale delle murature di contenimento dei terreni in pendenza.

La villa con giardino è stata munita di piscina, utile nelle calde giornate estive.

Per le pavimentazioni esterne del giardino e dei terrazzi è stata utilizzata la Gaia Grey, una pietra grigia dal colore neutro che potesse accostarsi bene con tutti i materiali della casa, anche con la colorazione tipica della pietra di Sarnico.

Che cos’è la pietra di Sarnico?

È un’arenaria utilizzata sin dall’antichità nella bergamasca; affiora lungo la fascia di raccordo tra le Prealpi e la Pianura Padana. Esteticamente è omogenea, con colori variabili tra il grigio e il grigio-azzurro e viene impiegata in lastre squadrate per opere murarie e rivestimenti. Ha un’ottima lavorabilità ed è utilizzabile già con superfici a piano sega o levigate, ma può assumere una migliore valenza estetica con lavorazioni più raffinate.

Tutte le informazioni si possono trovare su www.pietra-di-sarnico-orobica.it.

Grandi trasparenze, non solo per le vetrate

Le finestre sono pensate come grandi aperture verso l’esterno, dove il telaio dei serramenti è stato ridotto al minimo e reso il più lineare possibile per avere una sorta di cornici sulle inquadrature del paesaggio montano circostante. I serramenti in legno larice naturale sono integrati con un sistema di oscuramento a lamelle.

All’interno di una delle due abitazioni si trova una scala che attraversa tre livelli, dal piano terra al piano sottotetto, inserita in un vano con una parete curva. La scala in legno appare come un accatastamento di massicci gradini in larice, con un grande parapetto in vetro che attraversa in altezza tutta la casa.

I pianerottoli di sbarco ai piani sono interamente realizzati in vetro colorato, rosso al piano primo e blu al secondo. In questo modo si dà vita a inusuali giochi di trasparenze, riflessi colorati e specchiature attraverso tutta l’altezza del vano scala.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here