Cucine piccole

0
13053
cucine piccole

Indice dei contenuti

 

Cucine piccole con poco spazio? Ecco alcune idee per sfruttare ogni centimetro delle vostre cucine: un piccolo podio, due poltroncine con schienale in curva e un tavolo rotondo sotto la finestra creano un angolo pranzo molto intimo e al tempo stesso funzionale

disegno-cucinaSe lo spazio nelle cucine piccole è davvero esiguo, la soluzione proposta ha qualcosa di geniale: sfruttando la fonte di luce naturale, riesce a trasformare l’estremità di un tunnel stretto nell’accogliente e luminoso fiore all’occhiello di una piccola cucina davvero vivibile. L’idea di rialzare il pavimento non nasce per caso e risponde a diverse esigenze. Dal punto di vista del comfort, dà respiro e procura una sensazione di spazio più ampio, senza per questo annullare quella di angolo raccolto. Per quanto riguarda l’estetica, permette di far meglio risaltare il tavolo sollevato e di portare il livello delle poltroncine in posizione tale che degli schienali d’altezza normale (quindi non soffocante) possano raccordarsi senza soluzione di continuità con i piani di lavoro della cucina. In fatto di funzionalità, offre spazio aggiuntivo sia coni ripiani d’appoggio risultanti dietro le poltroncine, sia con le zone vuote dietro gli schienali e sotto il pavimento.

Cucine piccole: un arredo compiuto

Il podio in sé non esaurisce l’idea: se sopra non ci sono mobili ben studiati, i vantaggi si volatilizzano. Data la ristrettezza dello spazio, un tavolo quadrangolare renderebbe scomodo andare a sedersi, qualunque sia il tipo di sedile; inoltre, uno di tipo normale, con quattro gambe agli angoli, potrebbe essere spostato solo di poco, lasciando quindi la finestra poco accessibile. Invece uno rotondo o ovale con sostegno centrale risolve entrambi i problemi, ammorbidendo anche, con la sua linea curva, la squadratura allungata della stanza. Le poltroncine con schienale arrotondato che poggiano contro il prolungamento del piano di lavoro non fanno che rendere compiuta un’idea d’arredo geniale per cucine piccole.

Comode poltroncine per rendere abitabili le cucine piccole

divanetto cucine piccoleL’accogliente schienale arrotondato è formato da semplici listelli affiancati. Il ripiano contro cui appoggia lo schienale crea una continuita con il resto della cucina e offre spazio su cui appoggiare, per esempio, il cesto della frutta, in modo da non dover più alzarsi durante il pasto. Lo spazio vuoto che resta dietro lo schienale viene bene come ripostiglio aggiuntivo per oggetti d’uso poco frequente e, se lo schienale è appoggiato ma non fissato, risulta accessibilissimo. L’unico piccolo neo di questa poltroncina sta nel fatto che è comoda e ampia per una persona, ma non altrettanto per due, anche se lo spazio in larghezza basterebbe. Quindi quest’angolo pranzo è riservato fin dall’inizio a una coppia e basta.

divanetti-cucina-disegno

Un ripiano di legno che appoggia su listelli ancorati alle pareti e al fianco dell’ultimo mobiletto ed è puntellato da una gamba centrale di rinforzo, costituisce il sedile. Il sostegno posteriore dello schienale è dato dal prolungamento del piano di lavoro, sagomato in curva e sostenuto anch’esso da listelli ancorati alla parete opposta.

Lo schienale vero e proprio è formato da una serie di listelli affiancati con un lieve interspazio tra l’uno e l’altro, uniti sul retro per esempio da due strisce di cintino, fissati o appoggiati contra Ia costa del piano sagomato e tenuti in posizione da qualche spina a secco che va a conficcarsi nel sedile lungo una linea curva un po’ più stretta.

 

cassetti-nascosti-cucina

Pavimento cassettiera per recuperare lo spazio nelle cucine piccole

Nell’alzata del podio possono essere inseriti dei pratici cassetti. Invece di tenere i tegami nel fomo e dover lasciarli in giro per la cucina quando quello è in uso, basta farli sparire, insieme ad altro materiale che non si usa tutti i giomi, nei cassetti ricavati  “gratis” sotto il podio.
Se davanti c’è abbondante spazio per aprirli, costruendoli molto lunghi, anche sotto tutto il podio, diventa possibile utilizzarli per oggetti più ingombranti. In tal caso, siccome il peso notevole ne renderebbe faticosa l’apertura se fossero montati scorrevoli su listelli (per le guide di precisione potrebbero risultare fuori misura), per agevolare le cose conviene dotarli di quattro piccole rotelle a pavimento. Volendo, le zone sottostanti il podio e non occupate dai cassetti possono anch’esse essere utilizzate come ripostigli più o meno segreti: si tratta solo di studiare la struttura in modo che il pavimento lì costituisca un coperchio amovibile.

disegno-cassetti
Una cornice di listelli ancorati alle pareti offre al pavimento il sostegno perimetrale; delle tavole messe in coltello lo puntellano nella zona centrale: tanto spazio in più per le cucine piccole!

 

1 commento

    • Ciao Marina,
      la cucina è costituita da semplici elementi componibili di produzione industriale, come nelle configurazioni standard: l’unica nota di originalità è costituita dal podio, che permette l’inserimento di cassetti per ottenere contenitori in più.
      Si tratta di costruire una struttura sottostante da fissare a parete (i tre lati perimetrali) e con i rialzi intermedi fissati a pavimento, distanziati in modo da ospitare i cassetti (che devono essere nella stessa estetica della cucina, acquistati a parte) e muniti di guide di scorrimento. Tutta la struttura e le parti che non rimangono a vista possono essere di legno grezzo e a basso costo, mentre il pavimento rialzato può essere rivestito doghe di parquet laminato o come la pavimentazione della cucina, oppure può essere un pannello di legno nobile da trattare con vetrificante.
      Per avere indicazioni circa la costruzione del podio puoi leggere un altro articolo simile su come costruire un piccolo soppalco ovviamente realizzando il podio nell’altezza necessaria e con le modifiche del caso.

       

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here