Il superfluo nelle nostre abitazioni abbonda e spesso limita lo spazio utile: ecco come risolvere il problema mettendo in pratica il decluttering

Le nostre abitazioni, giorno dopo giorno, si riempiono di cose che non utilizziamo più o sono diventate obsolete e quindi di difficile impiego. Lo spazio disponibile alla vita quotidiana si riduce progressivamente: non troviamo facilmente quello che ci serve e ricevere o ospitare risulta un problema. Dobbiamo alleggerirci di ciò che è superfluo in modo oculato e consapevole. In altre parole fare declutter

Decluttering, una nuova tendenza per eliminare gli oggetti inutili

In italiano potremmo tradurre il termine decluttering con sgomberare, ma il significato della parola e delle azioni che essa sottende va molto al di là di questo.

Il problema nasce dall’enorme quantità di materiali e mezzi che entrano in case anche grazie alla crescente offerta della grande e piccola distribuzione e alle vendite in rete. Anno dopo anno acquistiamo una miriade di prodotti, dai vestiti ai giocattoli, dalla scarpe all’elettronica, dagli accessori per la cucina alle riviste. Tutto questo, a poco a poco, invade la nostra casa e, potremmo dire, anche la nostra vita, soprattutto se dobbiamo anche ristrutturare casa.

I capi di abbigliamento, così come le scarpe, dopo qualche tempo di utilizzo diventano obsoleti e non li indossiamo più o molto raramente, le apparecchiature elettroniche hanno vita breve prima di essere superate, (pensiamo a quanti cellulari vecchi sono sparsi nei cassetti di casa) e così via.

A poco a poco, armadi, dispense, cassetti, e altri vani di “sgombero” si riempiono di centinaia di prodotti che non ci servono più.

Le società maggiormente consumistiche come quelle dell’area nordamericana, sono arrivate per prime davanti al problema: come riappropriarci dei nostri spazi? Come pianificare l’eliminazione di questo o quel prodotto?

Così è nato il decluttering: una strategia organizzata per alleggerire l’abitazione da quel coacervo di oggetti, materiali e prodotti di vario tipo che non ci servono più e ci rubano spazio.

declutter

Ordinare come qualità di vita

Lo spazio totale delle abitazioni moderne si sta sempre più riducendo anche in funzione dei costi di gestione e di manutenzione.

Ne consegue che avere una casa piena di materiale surplus ci crea un vero e proprio disagio pratico che si riflette in tempi persi per cercare le cose, stress per mettere in ordine, e, in fin dei conti, nell’avere una casa che non è mai veramente a posto.

Come organizzare il decluttering

Eccoci quindi al nocciolo del problema: individuare la strategia migliore per eliminare ciò che veramente non ci serve più e che crea un effettivo intralcio alla vita quotidiana.

L’ordine e la miglior fruizione della nostra casa hanno un indubbio riflesso positivo nella nostra vita di relazione famigliare, riduce moltissimo i tempi morti per cercare questa o quella cosa e ci fa sentire, forse per la prima volta, veramente padroni del nostro spazio abitativo.

Dobbiamo essere consapevoli che non ci metteremo né un giorno né una settimana, perché si tratta di un’operazione lenta e attenta che ci potrà coinvolgere anche per qualche mese. Più tempo e discernimento utilizzeremo e migliore sarà il risultato.

Due sono le strade principali che possiamo intraprendere, e dipende da noi e dalla organizzazione esistente nella nostra abitazione nonché dalle nostre esigenze, individuare quella più adatta.

  • 1° metodo: andare per stanze
  • 2° metodo, andare per tipi di prodotti

Andare per stanze

È, in genere, il sistema che viene più consigliato perché ci permette di lavorare su qualcosa di mirato, e non ci costringe ad avere una visione allargata della situazione, come il secondo metodo.

  • In pratica si deve decidere in quale stanza intervenire e la si lavora fin quando si è ottenuto il risultato desiderato.
  • Si elimina da una stanza tutto ciò che non utilizziamo o che non ci piace più o se l’utilizzo e veramente troppo sporadico.
  • L’intervento può essere modulato nel seguente modo: mentre di alcune cose siamo sicuri che vanno eliminate, di altre possiamo avere qualche dubbio: allora eliminiamo le prime e organizziamo alcuni scatoloni per parcheggiare quelle che meritano una seconda rivisitazione.
  • Al termine del lavoro di selezione e di prima eliminazione avremo certamente idee più chiare sulla effettiva utilità di conservare qualcosa di quello che abbiamo parcheggiato, e possiamo agire di conseguenza.
  • Procediamo così stanza per stanza, fino ad aver completato tutta l’abitazione.

Andare per tipi di prodotti

Probabilmente è il sistema più intelligente, seppur più complicato e nasce dal fatto che in casa non tutto l’abbigliamento è negli armadi delle camere da letto, le apparecchiature elettroniche di vario tipo sono sparse qua e là come i ninnoli, soprammobili, libri, riviste e quant’altro.

  • In considerazione di ciò lavorare stanza per stanza non appare la soluzione migliore perché si potrebbero prendere decisioni non coerenti con la presenza totale di un certo prodotto nell’abitazione.
  • Andare per prodotti significa, allora, esaminare tutta la casa concentrandosi su un determinato prodotto (vedi le apparecchiature elettroniche) ed agire su di esso tenendo presente che doppioni e sovrapposizioni possono anche essere accettabili.
  • Il lavoro è certamente più complesso, ma in molti casi offre migliori risultati.

Conservare i ricordi?

Buona parte di ciò che abbiamo in casa non serve a un compito specifico, ma è da riferirsi alla “memoria” della vita della propria famiglia.

Si può trattare dei quaderni delle elementari, lettere, album di foto, oggetti cari ai nostri avi e molto altro ancora.

In questo caso la scelta è assolutamente personale, e va fatta dopo un’attenta riflessione sull’importanza che certi ricordi possono avere nella vita famigliare.

Cosa fare degli oggetti da eliminare

Alcune cose vanno letteralmente buttate, adottando i sistemi che di volta in volta, saranno opportuni, come immettere prodotti nella spazzatura indifferenziata, o in quella differenziata, conferire oggetti di maggiori dimensioni alle discariche autorizzate e così via.

Ma molto di ciò che viene eliminato può avere una seconda vita e servire ad altri. Allora possiamo adottare strade diverse.

  • I vestiti in buone condizioni possono essere affidati a un mercatino dell’usato. Un sistema semplice che ci può far guadagnare anche del denaro.
  • In alternativa si possono conferire agli appositi punti di raccolta per venire poi distribuiti a che ne ha bisogno.
  • Il mercatino dell’usato può accogliere e rivendere, calzature, soprammobili, attrezzi di vario tipo, stoviglie, accessori, apparecchiature elettroniche e così via.
  • Gli oggetti che si ritengono potenzialmente più interessanti possono essere collocati su ebay o su  altri siti di vendita, ma possono essere offerti in dono a comunità, centri di assistenza e simili che li possono girare a che ne ha bisogno.
  • Si possono organizzare degli “swap party” con amici e vicini di casa, dove ognuno porta qualcosa che non gli serve più e si possono fare scambi anche molto interessanti.
  • I libri in buone condizioni possono essere regalati a biblioteche, case di riposo, carceri e altri tipi di comunità. Ma possono anche essere scambiati con altri nei numerosi punti scambio presenti sul territori nazionale o sul web.
  • Si possono mettere annunci gratuiti in rete con la formula: “te lo regalo se te lo vieni a prendere”.
  • E poi… regala mobili usati a chi magari ne ha più bisogno!

Finalmente una casa ordinata e più vivibile

Quando il lavoro è terminato avremo la sorpresa di trovare una casa, in qualche modo più “grande” dove tutto è al suo posto e che ci facilita la vita di tutti i giorni, smussando o eliminando attriti che si generano in conseguenza di una difficile gestione dell’abitazione.

Inoltre non trascuriamo la soddisfazione che ci può dare la consapevolezza di essere stati utili a qualcuno meno fortunato di noi, che può trovare in ciò che noi abbiamo dismesso, una pratica utilità che gli rende meno difficoltosa la vita quotidiana.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here