Indice dei contenuti

 

Importanti valutazioni in merito alla caldaia a pellet

Nelle ristrutturazioni importanti, le caldaie a pellet possono diventare vere centrali termiche a funzionamento completamente automatico in grado di riscaldare tutta la casa, produrre acqua calda sanitaria e caricarsi da sé aspirando il combustibile stoccato in un locale lontano dalla centrale, oltre a poter essere integrate con un impianto solare termico.

Per la caldaia a pellet si possono scegliere due strade:

  • l’installazione all’interno degli spazi domestici, con una caldaia che ha l’aspetto di una comune stufa
  • in un locale secondario, prediligendo la potenza all’estetica.

Come sono fatte le caldaie alimentate dal pellet

Nella foto riportata ecco l’esempio della caldaia a pellet FireWIN si presenta come una stufa, ma è una caldaia a funzionamento automatico e regolazione elettronica. Il serbatoio del pellet integrato ha una capienza di 37 kg a caricamento manuale, ma può essere collegata a un magazzino di stoccaggio tramite un sistema di aspirazione che garantisce il caricamento automatico. La potenza termica viene modulata continuamente tra il 30% e il 100% e i rendimenti di combustione arrivano al 94%. Nella versione Exklusiv dispone di un compattatore di ceneri automatico che riduce lo svuotamento a 2-3 volte l’anno.

Cladaie per potenze limitate

Se non servono potenze termiche esorbitanti, si può scegliere la prima strada: la caldaia a pellet permette la visione della fiamma e si integra alla perfezione nell’ambiente; può alimentare sistemi di riscaldamento a termosifoni o a bassa temperatura, fino a coprire il fabbisogno per un’intera abitazione, anche se distribuita su più livelli.

Per riscaldare grande spazi

La caldaia-stufa può essere installata in casa o in un locale secondario: il disegno evidenzia la prima possibilità, mentre la seconda, posizionata in taverna, è visibile in trasparenza. Un sistema di aspirazione brevettato provvede al rifornimento della caldaia in modo automatico e l’integrazione con un serbatoio di accumulo garantisce una buona scorta di acqua calda.

Se il pellet viene immagazzinato sfuso in un locale in muratura (non umido!), questo deve rispondere a precisi requisiti tra cui: pavimenti e soffitti con ∫, porta antincendio T30 con apertura verso l’esterno, assenza di apparecchiature elettriche (interruttori, prese, lampade, scatole di distribuzione). Esistono anche speciali contenitori di stoccaggio predisposti per l’interramento. Il locale (o il silos) andrebbe periodicamente svuotato per ripulirlo dalle polveri di pellet, che possono causare uno sporcamento più marcato del braciere.

Stoccaggio pellet sfuso

Quando invece servono grandi potenze l’aspetto e l’ingombro diventano quelli di una caldaia tradizionale, per cui va installata in un locale al di fuori dello spazio abitativo e adiacente allo stoccaggio, che dev’essere in grado di contenere elevati volumi di combustibile, preferibilmente sfuso. Quest’ultima opzione, pressoché indispensabile per le caldaie più potenti, può essere interessante anche per le caldaie “da salotto”, previa predisposizione di una linea di alimentazione: il locale di stoccaggio può essere riempito con pellet contenuto in big-bag (letteralmente grande borsa) da 700-1200 kg posti su bancali, a patto che vi sia la possibilità di movimentarlo con mezzi idonei.

Esiste la possibilità di rifornimento anche tramite autocisterne, che avviene per insufflaggio pneumatico nel locale o tramite coclea, ma richiede la predisposizione di opportuni bocchettoni o linee di riempimento e bisogna informarsi circa la disponibilità del servizio. In entrambi i casi i camion devono potersi avvicinare allo stoccaggio con percorsi idonei.

Le soluzioni sono indubbiamente più pratiche rispetto ai classici sacchi da 15 kg, anche per consumi medio-bassi: il pellet viene a costare quanto quello in sacchi e si hanno meno fastidi. Se non ci sono le condizioni per questa forma di approvvigionamento, è comunque possibile installare un silos in un locale secondario e caricarlo periodicamente a mano con pellet in sacchi, ottenendo un’autonomia che può variare da qualche giorno a diverse settimane.

Alimentazione combinata a coclea e ad aspirazione

Nella parte centrale di un trogolo di legno con pareti inclinate di 35° si trova la coclea che rifornisce il sistema di aspirazione. Questa soluzione è valida per locali ampi o sviluppati in lunghezza, garantisce lo svuotamento fino all’ultimo pellet e la forma a tramoggia impedisce occlusioni causate da riempimento eccessivo.

Alimentazione ad aspirazione puntiforme

Questo sistema può essere applicato a piccoli locali, meglio se quadrati: al centro del vano viene montato un dispositivo con condotti di aspirazione e ritorno di sezione ridotta. Nei locali più grandi o di forma irregolare si possono prevedere più dispositivi puntiformi dislocati in diversi punti e collegati a un commutatore.

Serbatoio in tessuto

l A vuoto la parte bassa del serbatoio è conformata a tramoggia e con il riempimento si allarga per il peso: il prelevamento lo riporta alla forma a tramoggia e si può svuotare completamente. è una soluzione di stoccaggio pronta all’uso e può essere installata sia nel vano caldaia sia in uno adiacente; l’aspirazione è di tipo puntiforme, con tubo di ritorno.

Coclea diretta

Il pellet viene trasportato direttamente tramite la coclea dal vano di deposito (sempre con tramoggia a 35°) alla caldaia. Si tratta di una configurazione possibile solo se i vani caldaia e deposito, e la posizione stessa della caldaia, danno origine a una situazione ideale in cui va tenuto conto anche dei tubi di approvvigionamento.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here