La leggerezza dei rivestimenti PREFA avvolge la nuova chiesa parrocchiale Regina Pacis di Modena

Indice dei contenuti

 

L’architettura della nuova chiesa parrocchiale Regina Pacis in Modena, progettata dagli architetti Paolo Sorzia e Donata Morselli, è ispirata al passo evangelico di S. Giovanni “Il Verbo si è fatto carne ed ha posto la sua tenda in mezzo a noi” e al tempo stesso alla sollecitazione di Papa Francesco di una chiesa in “uscita”, aperta alla comunità. L’aspetto della copertura, che richiama, appunto, quella di una tenda, attualizza l’immagine biblica del luogo d’incontro del popolo di Dio nel deserto, e la contestualizza in uno spazio che è luogo di incontro, di fede, di preghiera. La forma slanciata dell’edificio ne permette l’identificazione nello spazio del quartiere modenese, mentre le alternanze materiche di pietra, vetro, legno, metallo e intonaco creano una piacevole varietà, che trova nell’armonia delle forme curve una chiave di lettura discreta e equilibrata. 

 L’ampia pensilina dall’aspetto leggero e avvolgente, che collega gli ambienti dedicati alle diverse attività della parrocchia, segue con morbidezza il perimetro degli edifici ed è sostenuta, proprio come una tenda, da tipici tiranti inclinati. 

Le coperture dei diversi volumi, con altezze e forme variegate, condividono la geometria del profilo curvo sul prospetto aggettante e l’inclinazione del movimento ascendente, che trova la sua perfetta espressione nel campanile a spirale, quale tensione della Terra verso il Cielo e paterno sguardo in senso inverso.

Colori tenui, rivestimento forte

Per il rivestimento della copertura è stato scelto un elegante manto in alluminio aggraffato verde opale della PREFA, reinterpretando in chiave attuale, la colorazione tipica di un materiale antico come il rame.

Per dare una connotazione unitaria ai volumi e aggiungendo eleganza all’insieme, lo stesso nastro PREFALZ di PREFA nel colore verde opale P.10 è stato utilizzato anche per il frontalino della pensilina, per la copertura sporgente del battistero, oltre che per il rivestimento delle travi, delle converse e dei canali di gronda. I rivestimenti in alluminio PREFA, scelti dai progettisti per la loro leggerezza e duttilità nel seguire e adattarsi alle geometrie del costruito, si sono dimostrati all’altezza delle aspettative. La scelta dell’alluminio, è stata ribadita anche per il rivestimento del campanile, in cui le Doghe PREFA di colore bianco, montate in verticale, assecondano con precisione ed eleganza il movimento di ascensione, spira dopo spira, assecondandone l’aspetto leggero e la purezza delle linee. 

L’alluminio, una scelta sostenibile

PREFALZ è il nastro aggraffato in alluminio preverniciato di PREFA, che si fa apprezzare tantissimo dai lattonieri per la sua flessibilità e la facilità di lavorazione. Così è stato anche per gli installatori dell’azienda Fratelli Ceresoli srl di Toano (RE) che hanno curato la posa dei rivestimenti PREFA sulle coperture della chiesa Regina Pacis. 

La tecnica della doppia aggraffatura, che impedisce all’acqua di penetrare sotto al rivestimento, assicura una ottimale tenuta econsente di realizzare coperture con pendenze molto basse, fino a 7 gradi (su tavolato pieno anche a partire da 3 gradi). Inoltre, l’ampia gamma di accessori ed elementi di completamento, disponibili nelle stesse colorazioni del nastro, consentono di realizzare una posa estremamente curata e a regola d’arte. 

Nella posa del rivestimento sulla copertura della chiesa i lattonieri hanno posto grande attenzione ai punti di collegamento tra le superfici inclinate delle falde e i rivestimenti verticali di travi e setti rialzati, sapientemente raccordati fra loro. Infine sono stati opportunamente dimensionati i canali di gronda.

I sistemi in alluminio della PREFA presentano una perfetta planarità delle superfici, un’ottima plasticità e flessibilità che permette di aderire perfettamente anche alle forme curve, ma allo stesso tempo è altamente resistente sia all’azione degli agenti atmosferici, agli sbalzi termici e alla trazione del vento. In particolare, le forze del vento sono state attentamente valutato nella progettazione esecutiva del rivestimento del campanile, considerando sia le pressioni sulle facce esterne che le depressioni su quelle interne.

Risultati garantiti

Inoltre, l’altissima qualità dell’alluminio impiegato in tutti i suoi sistemi, come i nastri PREFALZ e le Doghe, permette all’azienda PREFA di garantire il materiale per 40 anni contro rottura, corrosione (ruggine) e congelamento. I colori della gamma PREFA P.10, come quelli scelti per questo progetto, si caratterizzano per un doppio strato di verniciatura poliammidica poliuretanica di alta qualità in Coil Coating, che lo rende più resistente alle intemperie, ai raggi UV e al fuoco (Classe A1) e ne garantisce una più lunga durata, uniformità ed elevata stabilità cromatica nel tempo. Per i colori della gamma P.10, PREFA offre una garanzia di 40 anni anche sulla verniciatura, contro scheggiatura e formazione di bolle sui rivestimenti. 

Infine vale la pena ricordare che l’alluminio può essere riciclato infinite volte senza perdere le sue proprietà, mentre la sua leggerezza porta grandi vantaggi nell’ottimizzazione dei costi di trasporto.

Materiale: Prefalz nel colore P.10 verde opale e Doghe verticali P.10 Bianco Prefa

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here