Arch. Antonio Perrone – Fienile recuperato

Indice dei contenuti

 

Un fienile recuperato simbolo della cultura contadina, riportato alla piena funzionalità e reso abitabile, mantenendo le sagome preesistenti ed attuando un minuzioso lavoro di progettazione degli interni, moderni anche nell’impiantistica.

La situazione è quella che si riscontra in molti agglomerati di campagna: cascine che si sostengono reciprocamente, abitazioni che si alternano a stalle e fienili e si affacciano su aie chiuse tra muri di confine. Il fienile recuperato in questione e l’abitazione confinante, pur separati da uno di questi muri, costituivano un’unica proprietà, per questo il muro è stato abbattuto e sono stati accomunati.Il fienile recuperato si presenta ora come un’abitazione di circa 210 m2 su tre livelli con una configurazione particolare: piano terra e piano primo sono in relazione tramite un’ampia apertura che trasforma il secondo livello in un soppalco, così che il piano terra possa ricevere luce dalle tre arcate superiori; nel sottotetto è stato ricavato uno spazio relax con servizi.

Il tetto è stato ridisegnato durante la ristrutturazione per allinearlo all’edificio adiacente: inizialmente a capriata, ora appoggia sui muri perimetrali e include uno strato di ventilazione. Il portoncino a doghe di ferro, il cui disegno riproduce quelle originali di legno, è isolato internamente con schiuma e verniciato a polvere effetto acciaio corten, come pure la porzione di finto muretto che in realtà è un vano tecnico per utenze ed impianti. Questo tipo di verniciatura evita possibili macchiature a terra a causa del dilavamento superficiale della patina formata dall’acciaio corten vero e proprio.

La muratura perimetrale è a cassa vuota (tra muro interno ed esterno ci sono 4 cm di camera d’aria e 8 cm di fibra di legno), la casa è riscaldata da sistemi radianti a pavimento e dal caminetto, ci sono sistemi canalizzati per la climatizzazione e la ventilazione e la produzione di acqua calda sanitaria può contare su 30 m2 di pannelli solari (non visibili in quanto installati successivamente) il tutto ha permesso di certificare l’ex fienile in classe energetica B.

 Un progetto dell’architetto Antonio Perrone

antonio perrone
L’architetto Antonio Perrone è particolarmente attivo nella riqualificazione in ambito residenziale e commerciale, ha curato la progettazione ed il recupero di questa costruzione rurale situata a Sommariva del Bosco (cn) www.archperrone.it

Fienile recuperato – Caminetto a piano terra

fienile recuperato, recupero architettonico di un fienile, fienile, recupero fienile, fienile di recupero, recupero di un fienile

Incorporato in una struttura di cartongesso che enfatizza la continuità tra i due livelli, il caminetto si pone come elemento grafico verticale che sconfina nel vuoto risultante dal soppalco. Per la finitura esterna è stato utilizzato lo speciale smalto Rubbol di Sikkens che forma uno strato spesso e di facile pulizia; le fresature verticali presenti ai lati della struttura, meglio visibili nella foto di apertura, hanno lo scopo di diffondere la climatizzazione, le cui tubazioni condividono, per comodità, il vano interno che nasconde la canna fumaria. A destra si intravede una parte del divisorio attrezzato che separa il living dalla cucina, chiuso da ante di tamburato laccato lucido a poliestere, mentre i vani interni sono di rovere. oltre questa struttura si trovano la lavanderia e il bagno.

Fienile recuperato . Parquet anche sulla scala

fienile recuperato, recupero architettonico di un fienile, fienile, recupero fienile, fienile di recupero, recupero di un fienile

La scala a rampa unica priva di alzate che conduce al livello superiore ha una costruzione singolare: ogni gradino è fatto da una struttura di tubolare di acciaio inox rivestito con le stesse doghe utilizzate per il parquet, fissata lateralmente tramite piastre di ancoraggio. tutti i pavimenti sono costituiti da parquet su sabbia (tolin parquets), consistente in una stratigrafia realizzata completamente a secco che incorpora il sistema di riscaldamento a pavimento. Un’analoga scala permette il passaggio dal piano superiore al sottotetto.

Fienile recuperato – Primo piano in piana luce

fienile recuperato, recupero architettonico di un fienile, fienile, recupero fienile, fienile di recupero, recupero di un fienile

fienile recuperato, recupero architettonico di un fienile, fienile, recupero fienile, fienile di recupero, recupero di un fienile

Le ampie aperture frontali, ridisegnate con forma arcuata, forniscono illuminazione naturale in quantità: la soluzione a soppalco permette di illuminare efficacemente anche il living sottostante, grazie all’adozione di una balaustra di vetro strutturale senza elementi di giunzione visibili, in quanto annegati nella pavimentazione. Le vetrate sono fisse, il ricambio d’aria è garantito dall’impianto di ventilazione forzata; per un effetto di trasparenza totale è stato utilizzato uno speciale profilo di ferro a taglio termico da 2 mm di spessore, verniciato effetto corten. finitura utilizzata anche per le tapparelle interne che, abbassate, hanno l’aspetto cromatico del portoncino ed assicurano l’uniformità della facciata.

Pareti scorrevoli

fienile recuperato, recupero architettonico di un fienile, fienile, recupero fienile, fienile di recupero, recupero di un fienile
facendo scorrere i pannelli di tamburato laccato a poliestere che delimitano lo studio si accede al bagno di servizio ed alla camera da letto principale; spostando un ulteriore pannello scorrevole, perpendicolare ai precedenti, si accede ad una seconda camera da letto e ad un guardaroba, ottenuti “rubando” spazio al piano superiore dell’abitazione confinante.

Fienile recuperato – Il sottotetto

fienile-recuperato-3

Nel sottotetto sono stati ricavati una zona relax ed un ulteriore bagno, separati da una struttura colorata di viola che sembra una tramezza sottile, ma in realtà ha una profondità di circa 60 cm: si tratta di un’armadiatura chiusa da ante tipo rasomuro con cerniere fuori vista, al centro c’è la porta di accesso al bagno. un concetto analogo ha permesso di sfruttare la parte bassa dello spiovente per il passaggio degli impianti di ventilazione e per realizzare vani tecnici ed altri scomparti con ripiani interni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here