Vittoriano contemporaneo

vittoriano contemporaneo, daniele pettenò

Indice dei contenuti

 

Ai piani più alti di un monumentale palazzo londinese una luminosa abitazione su tre livelli si sviluppa in direzione di un attico esaltato dal tetto a doppia pendenza

vittoriano contemporaneo, daniele pettenò
Daniele Pettenò si è laureato nel 2002 presso l’Università di Architettura di Venezia, dal 2007 è Chartered Member del Royal Institute of British Architects; nel 2009 fonda a Londra lo Studio Dpaw (Daniele Pettenò Architecture Workshop) che lavora in Italia e Regno Unito su vari progetti di architettura e interior design.

L’interno a tutto fa pensare, meno che questa unità sia ubicata in un palazzo risalente alla seconda metà dell’800. La ristrutturazione attuata non ne ha violentato lo stile, anzi, ha posto rimedio alle profanazioni messe in atto con un susseguirsi di interventi di dubbio gusto messi in atto dal 1960 in poi. L’ingresso è al terzo piano dell’edificio, dove sono concentrate le camere da letto, i bagni e uno studio; un disimpegno dà accesso alla scala con gradini a trapezio, salendola ci si affaccia sul living al quarto piano e si ha subito la percezione di una tripla altezza, per i volumi disegnati dal tetto a quattro falde e per il mezzanino che sovrasta l’ambiente unico e luminoso. L’incantevole residenza si sviluppa su quasi 160 mq in modo ascensionale e contemporaneo, nonostante ci si trovi all’interno di un palazzo monumentale. Le geometrie interne sono pulite, l’elemento determinante di questa ristrutturazione è stato lo studio dell’illuminazione naturale durante i diversi mesi dell’anno; i vincoli cui è legato l’edificio hanno permesso solo minime variazioni delle forometrie esistenti, per cui i materiali hanno un ruolo fondamentale per dare luce ed eleganza agli spazi. Il bianco delle pareti riverbera la luce e fa apparire gli arredi (in prevalenza MDF laccato e corian) definiti in modo delicato.

Il quartiere londinese

vittoriano contemporaneo, daniele pettenò

Maida Vale è un’area di Conservazione all’interno della City di Westminster caratterizzata da monumentali blocchi di abitazione tardo-Vittoriani o Edoardiani (fine ‘800 – inizio ‘900) di 3-4 piani, con tetti mansardati, che racchiudono talvolta ampi giardini privati. L’unità abitativa tema del progetto è collocata ai piani più alti di un edificio incluso nel 1970 tra quelli sotto tutela dell’English Heritage.

Un cantiere da 31 settimane

vittoriano contemporaneo, daniele pettenò

Pianta del 4° piano: 1 – soggiorno 2 – zona pranzo 3 – cucina 4 – bagno 5 – terrazza Il mezzanino (giallo) sovrasta la zona pranzo e il bagno da parete a parete, per una larghezza di poco superiore ai 2 metri.

A eccezione delle travi del solaio del 4° piano tutti gli interni (muri, cartongessi, impianti) sono stati demoliti, senza compromettere elementi storici o di pregio. Da evidenziare: la rettifica del solaio del 4° piano, con tagli in mezzeria delle travi imbarcate, inserimento di una trave di ferro trasversale per dimezzarne le campate e livellazione lignea superiore; ristrutturazione del tetto; nuovi solai e partizioni interne completamente di legno; costruzione del mezzanino a ponte con travi leggere di acciaio (spessore 150 mm per una campata superiore a 6 m); totale isolamento termoacustico delle strutture.

vittoriano contemporaneo, daniele pettenò

Ambiente unico per la zona giorno

vittoriano contemporaneo, daniele pettenòLa sequenza cucina-pranzo-soggiorno è stata orientata per avere sempre una luce ottimale nei vari momenti della giornata, privilegiando l’illuminazione diretta al mattino per la cucina e il pranzo e i raggi profondi dei tramonti nel soggiorno direttamente comunicante con la terrazza esterna. Verso la finestra, i moduli bassi di MDF laccato bianco opaco sono ricoperti da un piano di lavoro in corian lungo 6 metri in cui è ricavato un lavello a due vasche. I moduli alti offrono molto spazio per cibi e stoviglie, oltre a ospitare frigorifero, freezer e forni; l’isola include un sistema di piastre a induzione e un secondo lavello, la mensola a sbalzo rivolta verso la zona pranzo può essere utilizzata per servire la colazione, gli aperitivi o come buffet. L’illuminazione al di sotto del mezzanino produce un effetto suggestivo nella zona pranzo; le sei aperture lungo le falde lasciano filtrare i raggi solari alle diverse inclinazioni e i colori chiari, uniti agli elementi trasparenti, ne aumentano il riverbero. Pavimenti e scale sono di legno di quercia europea con trattamento protettivo a cera; c’è anche un piccolo, ma completo, bagno con antibagno.

Mezzanino a ponte e soluzioni tecnologiche per uno vittoriano contemporaneo

vittoriano contemporaneo, daniele pettenò

Rende disponibile una superficie di 12 mq, è completamente aperto sui due lati per lasciare libera la particolare forma a doppia pendenza del tetto e per massimizzare l’apporto della luce naturale all’attico; vi si accede tramite una scala che sembra sospesa, effetto esaltato dai piccoli faretti a led incassati lateralmente. Si tratta di una zona studio-lettura che permette di isolarsi dal resto dell’abitazione pur rimanendo in relazione con l’attico, grazie alle balaustre di vetro che garantiscono la vista completa della zona sottostante e della terrazza-giardino anche da seduti. Tutti gli spazi dell’abitazione sono equipaggiati con un sistema domotico wireless “Lutron” di ultima generazione per la gestione e il controllo di tutte le installazioni (finestre, sicurezza, contatori ecc) e degli elettrodomestici, anche a distanza; in ogni ambiente sono installati speaker acustici collegati a un server e, sempre wireless, a iPhone e iPad. Per l’illuminazione artificiale del quarto piano si è preferito non montare alcun faretto incassato nelle grandi falde inclinate così da non intaccarne l’omogeneità, adottando altri sistemi illuminanti.

Due bagni al terzo piano

vittoriano contemporaneo, daniele pettenò

In entrambi i locali le pareti sono rivestite con sottili lastre ceramiche di grande formato (3×1 metri): nel bagno condiviso arrivano a soffitto, mentre in quello padronale solo fino all’altezza della porta (220 cm), lasciando nella parte sommitale il colore bianco delle pareti. Nel bagno padronale, piatto doccia a filo di corian e doppio lavandino sempre di corian conformato in una nicchia muraria; nell’altro bagno vasca e doppia mensola di corian, sopra con lavandino incassato e sotto raccordata con la vasca per riporvi asciugamani e prodotti. In entrambi grandi specchi amplificano lo spazio.

Camera principale e armadiature

 

vittoriano contemporaneo, daniele pettenòLa camera principale e l’annesso bagno sono collocati sul fronte a est per godere della luce del mattino: protagonista della camera è lo specchio di Philippe Starks collocato per essere il punto focale durante la percorrenza del corridoio, c’è anche un guardaroba ai piedi del letto. La camera è in collegamento diretto con un’ampia cabina armadio che, oltre a fornire uno spazio più ampio per il vestiario, ha funzione di spogliatoio e prova dei capi di abbigliamento. Su tutto il piano è stata installata un’illuminazione generale con faretti incassati a soffitto.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here