Soppalco | Come ottenere una stanza in più in casa

1
3901
soppalco
soppalco

Indice dei contenuti

 

Grazie all’installazione di un soppalco possiamo aumentare la superficie calpestabile

Nei casi in cui la superficie calpestabile di un’unità immobiliare è limitata, ma l’altezza permette di realizzare una parziale divisione in orizzontale dei volumi (per esempio nel recupero di siti post-industriali), si può ottenere un notevole incremento degli spazi abitabili: se il locale presenta, in linea di massima, un’altezza di 430-440 cm si può soppalcare circa 1/3 della superficie, anche di più se si dispone di altezze maggiori. In parole povere, sopra e sotto il soppalco l’altezza minima dev’essere di 210 cm, tenendo conto che il suo spessore è di 10 cm o più.

Soppalco abitabile

Un soppalco abitabile rappresenta un aumento della superficie lorda di pavimento: il Regolamento Edilizio varia da un Comune all’altro e non sempre ne è consentita la realizzazione. Trattandosi di una vera e propria stanza in più bisogna richiedere un permesso a costruire, con un progetto redatto da un professionista: va fatta un’attenta analisi sulla struttura del fabbricato per accertarsi che possa sostenere il soppalco; può essere che occorra il certificato di collaudo statico finale.

Quale scala per il soppalco?

I fattori che influenzano la scelta sono molti: la superficie del soppalco, la presenza di porte e finestre e la frequenza d’uso sono da valutare attentamente. La scala a un’unica rampa ha un notevole ingombro se si vuole rispettare una pendenza ragionevole: l’ideale è che sia installata ridossata a un muro, eventualmente con un percorso iniziale ad angolo retto o in curva con gradini sagomati. La scala a chiocciola occupa uno spazio ridottissimo a pavimento, indipendentemente dal dislivello, ha un costo inferiore rispetto a una scala tradizionale e spesso si rivela la soluzione migliore se non la si deve percorrere con oggetti voluminosi.

Superficie finestrata

La superficie finestrata non dev’essere inferiore a 1/8 della superficie del locale soppalcato, pertanto può rivelarsi necessario aprire una nuova finestra o ampliare quelle esistenti; la realizzazione di bagni e cucine nella parte sottostante è consentita soltanto se l’altezza è di almeno 240 cm. L’aumento della superficie abitabile comporta anche la variazione della classe catastale (e forse della categoria) dell’immobile e l’incremento dei millesimi nei condomini dove questi sono calcolati in base alla superficie.

La struttura di un soppalco

La struttura può essere in muratura, legno o acciaio. La prima è fattibile solo se le murature portanti sono spesse almeno 45-50 cm, per incassare le travi di 20-30 cm: il peso è notevole e può comportare problemi specialmente nelle zone a rischio sismico. Le strutture in legno possono apparire più naturali, ma risultano più rumorose e soggette a vibrazioni e scricchiolii; per contro i tempi di posa si riducono e con loro il costo al metro quadrato (20% in meno rispetto a uno in muratura); l’acciaio è più moderno e “snello”, meno ingombrante visivamente specialmente se abbinato al vetro.

Sopplaco in legno

Travi e assito sono realizzati in legno di abete selezionato, esente da nodi caduchi e fessurazioni; in alternativa si può optare per legno di faggio, più solido e pregiato, perfettamente abbinabile a scale nella stessa essenza. Per la verniciatura si utilizzano prodotti a base d’acqua con bassa emissione di formaldeide, applicati con un ciclo a due mani per rendere la superficie più resistente alla luce solare e al calpestio.

Sopplaco in acciaio e vetro

Soluzione indubbiamente più moderna quella che prevede l’utilizzo di una travatura in acciaio e la realizzazione del piano di calpestio con lastre di vetro strutturale: anche in questo caso la scala e la balaustra possono essere coordinate e il vantaggio principale è quello di consentire il passaggio dell’illuminazione naturale proveniente, per esempio, da un ampio lucernaio, quindi disporre di uno spazio luminoso anche al di sotto del soppalco.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here