Indice dei contenuti

 

Un progetto nato dal desiderio del proprietario di trasformare un appartamento su due piani che aveva solo muri perimetrali, in una casa disegnata a misura delle sue esigenze e delle sue passioni, con un intero piano dedicato a benessere e relax

Alla base di questo intervento c’era il desiderio di ottenere una grande zona living con un’area per pranzare con tanti amici, una zona notte con un’area importante per il vestiario, una zona lounge-bar-cinema per poter ricevere ospiti e, infine, una piccola SPA con piscina. All’inizio l’idea sembrava troppo ambiziosa, ma lavorando sull’articolazione e sui meccanismi di connessione di spazi concatenati tra loro, è stato possibile soddisfare tutte le esigenze manifestate dal proprietario.

Cosa è stato fatto

La casa ha una doppia anima che corrisponde ai due diversi piani: il piano terra luminoso e aperto verso l’esterno, che accoglie tutte le funzioni classiche in 105 mq, living, cucina, camere da letto e bagni; il piano interrato più intimo, chiuso e scuro, una sorta di bunker con una grande zona relax dove potersi rifugiare e riposare sul grande divano, guardare un film sul mega schermo cinema, leggere un libro nell’alcova in legno o godersi un bagno nella piscina. l Punto nodale del piano terra è la grande doccia in vetro opalino che separa la zona giorno da quella notte e diventa lampada scenografica a tutta altezza che cambia colore grazie allo speciale soffione con illuminazione multicolore integrata. Superata la lampada-doccia si entra nella zona notte, luogo più intimo e riservato della casa, concepito come una speciale suite personalizzata, articolata in tre spazi distinti, letto, cabina armadio e bagno; quest’ultimo, grazie al movimento delle pannellature scorrevoli, può essere aperto completamente verso il letto o chiuso per la privacy.

Spazio unico, ma divisibile

Nel breve corridoio centrale, oltre l’ingresso, una pannellatura scorrevole in castagno termotrattato nasconde l’accesso a una camera per gli ospiti con relativo bagno; a destra, la cucina in acciaio inox e pietra basaltina, realizzata su disegno, con cappa e faretti incassati nel controsoffitto, delimitata da una quinta in vetro fumé.

Poco oltre, la zona pranzo con il grande tavolo rotondo in cristallo e il mobile in larice spazzolato, laccato bianco, con nicchia gialla illuminata internamente e provvista di mensole di cristallo. Il living è dominato dal totem scultoreo in ferro crudo che ingloba il camino a legna e lo schermo TV, posto al centro della parete curva interamente vetrata; il divano è ridossato a una grande parete in vetro di colore rosa che cela la scala. L’intero piano terra è pensato come un insieme di spazi concatenati e mai nettamente separati, divisibili, quando necessario, con pannellature movibili.

La scala interna

I due piani sono collegati da una scala con gradini a sbalzo di castagno termotrattato, delimitata dalla parete vetrata a doppia altezza in vetro rosa, che si estende dal pavimento del piano interrato al soffitto del piano terra, unendo due anime della casa che si differenziano per atmosfera e funzioni.

Piano interrato con Spa

È uno spazio di circa 60 mq chiuso e scenografico, privo di luce naturale, ma reso suggestivo dalla distribuzione delle fonti luminose artificali; pareti, pavimento e soffitto sono trattati in cemento-resina grigio caldo. In questo ambiente spicca il volume della piscina, come una grande teca di vetro con faretti che cambiano colore incassati nella copertura; qui l’acqua può regalare scenari cromatici diversi. Di fronte a essa, in una rientranza, è ricavato uno spazio riparato con comode sedute per dedicarsi alla lettura preferita.

La parete in pietra bianca della piscina nasconde i vani di servizio a essa correlati (bagno, spogliatoio, doccia), celando così anche l’ingresso alla vasca che avviene da dietro, attraverso un passaggio ristretto rivestito di pietra nera. Contrapposto alla piscina il grande divano in tessuto nero di fronte al quale un mobile a tutt’altezza in acero grigio incorpora il grande schermo a proiezione e un mobile bar in acciaio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here